News - GIUGNO 2010

30 giugno 2010
Esame di Stato a.s. 2009/2010
Disponibile un nuovo aggiornamento del software "Conchiglia".
30 giugno 2010
Assegnazioni - Autonomia Scolastica
Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria: nuovo avviso di selezione.
26 giugno 2010
MANOVRA FINANZIARIA PENALIZZANTE PER I LAVORATORI DEL PUBBLICO IMPIEGO - A VARESE GAZEBO DELL' UGL
Mascolo: Gli evasori e la casta paghino la crisi.



Nella foto (da sinistra): Monica Maranzana, Gianfranco Bottini (Vice Presidente della Provincia di Varese), Salvatore La Rosa (Segretario Provinciale dell' Ugl Sanità), Giuseppe Mascolo (Segretario Nazionale dell' Ugl Scuola), Patrizia Tomassini (Assessore all'Istruzione del Comune di Varese), Giorgio De Wolf (Vice Sindaco di Varese), Concetto Cicero (Segretario Provinciale dell'Ugl Metalmeccanici).

                  


A seguito della raccolta delle firme predisposta dal Coordinamento per le Politiche del Pubblico Impiego dell'Unione Generale del Lavoro, in segno di protesta contro la manovra fortemente penalizzante per i dipendenti della pubblica amministrazione, a Varese, in corso Matteotti, si è tenuto il Gazebo dell'UGL, con la relativa distribuzione di materiale informativo.
Oltre al gruppo dei dirigenti sindacali dell'UGL di Varese (Maranzana, Bernasconi, La Rosa, Palaia, Cicero) e numerosi simpatizzanti, era presente il Segretario Nazionale dell'UGL Scuola, Giuseppe Mascolo.
"La manovra predisposta dal governo è fortemente penalizzante e discriminatoria nei confronti dei lavoratoti del pubblico impiego - afferma Mascolo - i debiti derivanti da ruberie e sprechi non possono ricadere sui pubblici dipendenti, ma devono essere addebitati ai diretti responsabili. Il pubblico impiego - continua il sindacalista - deve rappresentare una risorsa per il paese e non una zavorra, come si vuol far credere. In merito alla scuola, pur consapevoli di un necessario percorso di riforma, ribadiamo che riformare il sistema scolastico non significa penalizzare gli organici del personale, che oramai da alcuni anni sono oggetto di continui tagli. Per realizzare una scuola pubblica di qualità - conclude Mascolo - è necessario, tra l'altro, che alle istituzioni scolastiche vengano assegnati i fondi necessari per far fronte alle spese di funzionamento, anche attraverso un piano pluriennale di investimenti". Il gazebo dell'UGL è stato visitato anche da Gian Franco Bottini, Giorgio De Wolf e Patrizia Tomassini (rispettivamente Vice Presidente della Provincia, Vice Sindaco di Varese e Assessore alla Istruzione del Comune di Varese) rappresentanti della CHIAVE DI VOLTA, Associazione politico-culturale che nell'ambito del PDL rappresenta l'area laico-lealista.
I tre esponenti del PDL hanno condiviso con i rappresentanti dell'UGL le preoccupazioni legate ai contenuti della manovra finanziaria, soprattutto per quanto concerne l'area del pubblico impiego, responsabilmente consci che il difficile momento economico la rende indispensabile nella sua urgenza ed entità ma altresì convinti che si debba operare al fine di non penalizzare categorie già deboli puntando invece decisamente sul recupero degli sprechi.
"Riteniamo che tutte le aree del Paese debbano essere ugualmente considerate - ha detto Giorgio De Wolf. Non è ammissibile penalizzare chi ha già dimostrato di voler essere virtuoso" "Si parla di eliminazione di consulenze, macchine blu, manifestazioni inutili ed altro - ha aggiunto Bottini - La nostra Provincia e i nostri Comuni stanno da tempo muovendosi in questa direzione, ed è verificabile; vorremmo che non si facesse di ogni erba un fascio . Così come non ha senso parlare semplicisticamente di eliminazione delle province; la cosa ha invece senso quando ci si riferisce alle molte province " inutili" e non certo a quelle che svolgono rilevanti funzioni come la nostra."
"Il momento non è dei più semplici - ha concluso Patrizia Tomassini - ma la nostra città saprà sempre fare i giusti sacrifici per garantire il buon livello delle sue scuole". Il cordiale incontro fra i rappresentanti della CHIAVE DI VOLTA e quelli dell'UGL si è concluso con il reciproco impegno di continuare un percorso di scambi di idee e di collaborazione.
25 giugno 2010
Calendario Scolastico Nazionale
Anno scolastico 2010/2011
21 giugno 2010
MANOVRA, TROPPO GRANDI I SACRIFICI CHIESTI AI LAVORATORI
Centrella: "Riequilibrarla in favore dello sviluppo"
"Siamo consapevoli che l'Italia è chiamata a fronteggiare un'altra grave crisi e, come sempre, siamo disposti a fare la nostra parte, tuttavia il compito del sindacato è quello di rappresentare le istanze dei lavoratori, i quali nella manovra correttiva vengono chiamati a sacrifici decisamente troppo grandi".
è la sintesi del documento che il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, ha presentato nel corso dell'Audizione al Senato sulla manovra correttiva.
"Da diverse finanziarie - ha spiegato - stiamo sostenendo che il cosiddetto ceto medio, composto da lavoratori, pensionati e famiglie che vivono di reddito e che pagano sempre le tasse, sono in attesa di provvedimenti a loro favore, a cominciare dal fisco fino ad arrivare al welfare. Purtroppo con la manovra in discussione al Parlamento, tra il congelamento degli stipendi per tre anni e il taglio della produttività per il pubblico impiego, la chiusura di alcune finestre pensionistiche di uscita per tutti i lavoratori con un innalzamento di fatto dell'età pensionabile, sui quali si scaricheranno successivamente i tagli previsti per le Regioni, si prospettano anni molto duri per le persone che noi rappresentiamo. Siamo d'accordo con l'accelerazione data alla lotta all'evasione, ma se confrontiamo le risorse che entreranno nelle casse dello Stato con l'ammontare complessivo della ricchezza prodotta dall'economia sommersa si comprende chiaramente che i maggiori contribuenti dello Stato resteranno a lungo lavoratori e pensionati. Quindi una vera compensazione a tutti questi sacrifici non c'è, neanche con il taglio dei costi della politica".
Per il sindacalista "la manovra correttiva fa leva eccessivamente sul rigore, distribuito in maniera non equa, e non dà sufficienti impulsi allo sviluppo, di cui il Paese ha maggiormente bisogno, soprattutto nel Mezzogiorno nei confronti del quale chiediamo un abbattimento dell'Irap per quelle aziende che, oltre a realizzare nuove attività produttive, assumono dipendenti e sospesi dal lavoro. In quest'ottica riteniamo inopportuna anche la soppressione di importanti istituti come l'Ispesl , che ha un ruolo fondamentale in materia di sicurezza e salute sul lavoro, o l'Isae, istituto sul quale si regge uno dei cardini fondamentali della riforma della contrattazione ovvero il calcolo dell'indice Ipca".
"In sintesi - ha concluso Centrella - la nostra richiesta è semplice: riequilibrare il peso della manovra in favore dello sviluppo, alleggerendo il carico sui dipendenti pubblici, in particolare sulle dipendenti che subiranno anche il brusco innalzamento dell'età pensionabile a 65 anni in grado di creare problemi di conciliazione tra vita lavorativa e familiare".
17 giugno 2010
Mobilità professionale del personale ATA (ex art. 1, comma 2, sequenza contrattuale del 25 luglio 2008 - ex art. 62 CCNL/2007) - problematiche inserimento titoli e/o servizi

LETTERA DEL SEGRETARIO NAZIONALE DELL'UGL SCUOLA AL MIUR

modello di reclamo (da inviare all'Ufficio Scolastico Provinciale territorialmente competente)
14 giugno 2010
Educazione ed istruzione degli adulti
LETTERA DEL SEGRETARIO NAZIONALE DELL'UGL SCUOLA AL MINISTRO GELMINI
11 giugno 2010
Mobilità Scuola dell'infanzia - a.s. 2010/2011
In linea i movimenti di trasferimento e di passaggio dei docenti della scuola dell'infanzia.
10 giugno 2010
MANOVRA, TROPPO GRANDI I SACRIFICI CHIESTI AI LAVORATORI
Centrella: "Riequilibrarla in favore dello sviluppo"
10 giugno 2010
SCUOLA, MASCOLO (UGL): INDISPENSABILE IL RISPETTO DELLE REGOLE
07 giugno 2010
Esami di Stato I ciclo - a.s. 2009/2010
Adempimenti - Prova nazionale: allegato tecnico e protocollo di somministrazione
(C.M. n. 50 del 7 giugno 2010)
07 giugno 2010
LETTERA APERTA
DEL COORDINAMENTO PER LE POLITICHE DEL PUBBLICO IMPIEGO UGL


Raccolta firme (da inviare ai recapiti Ugl riportati sulla lettera)

Tesseramento

Tesseramento ugl